1000 ASA

1991-mir

Nudità 1991

ciò che i miei occhi vedevano, passando per l’anima

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, diario, donne, fotografia, germogliare, luce, pensieri, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a 1000 ASA

  1. mitedora ha detto:

    ecco, hai scritto un verso stupendo.

  2. aitanblog ha detto:

    al buio ci sono più cose da vedere

  3. iraida2 ha detto:

    Non ti nascondo che il titolo del tuo post è un pò oscuro ma sono certa che dipende da me.
    Per il resto, l’anima è un filtro che trattiene quello che gli occhi non “vogliono” fissare.
    Buona giornata a te.

    • germogliare ha detto:

      Con il termine ASA e DIN, fino a qualche anno fa veniva indicata la classificazione di sensibilità per la pellicola fotografica. Per motivi di semplificazione tecnica, le due misure sono state unificate con il termine ISO, che altro non è che i due valori separati da “/”. Per esempio: 100 ASA, equivalente a 21 DIN, è diventato 100/21 ISO. 1000 ASA era una pellicola molto sensibile ed adatta a fotografare in situazioni di scarsa luminosità. E’ quella relativa a questa immagine. Anche metafora.
      E ciò che trattiene l’anima non si cancella.
      un sorriso

  4. poetella ha detto:

    sai?
    Gran bel vedere…!

  5. “E ciò che trattiene l’anima non si cancella.”
    A completamento del bellissimo verso iniziale.
    Si aprono infiniti di dolcezza e di dolore.
    Contenta di poterti leggere e ‘vedere’.
    grazie
    z

  6. guido mura ha detto:

    Una volta bisognava scegliere la pellicola, valutare i tempi; ogni foto era un’avventura. Oggi la mia digitale fa tutto in automatico, ma con poca luce si rifiuta di scattare, o meglio lo farebbe in manuale, ma poi perde il fuoco: tutto non si può avere.

  7. parolesenzasuono ha detto:

    ognuno di noi conserva nel cuore una serie di istantanee intramontabili che nulla o poco comunicherebbero ad altri—

    perchè è la nostra storia, fatta di attimi, quisitamente incomunicabili

    (e concordo con chi dice che le migliori fotografie sono quelle non scattate o le mosse…)

  8. Isaac ha detto:

    più che il post ho letto con interesse il tuo commento sulla genesi dell’ISO… adoro la fotografia !! anche se ne ho davvero tanta di strada da fare… quando sarai pronta ti invierò il profilo di flickr!
    L’anima ma può anche trattenere ma poi paga tutto…

  9. wolfghost ha detto:

    Ciao 🙂 Immagino sia tu ad aver scritto sul mio blog, il link che hai lasciato diceva solo “wordpress”… Devi scrivere “germogliare.wordpress.com” 😉

    Come canta Ligabue “Gli occhi fanno quel che possono, niente meno e niente più, tutto quello che non vedono è perchè non vuoi vederlo tu”. Ed e’ proprio cosi’, gli occhi vedono tutto, ma… noi filtriamo solo cio’ che ci interessa secondo l’ispirazione del momento 😉

  10. germogliare ha detto:

    Grazie!…dopo mi sono resa conto, ma ahimè era andata.
    … e la fantasia aiuta la vista, compensa lavorando sui particolari.
    Uff, quanto lavoro dietro ad una foto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...