All’aria aperta

nord-nord-ovest, la mia strada

nord-ovest, la mia strada

 “Quando esco di casa per camminare, indeciso come sempre se dirigermi e sottomettermi al mio istinto che decide per me, alla fine mi ritrovo, anche se può sembrare alquanto strano e bizzarro, a incamminarmi in modo ineluttabile verso sud-ovest, verso qualche particolare bosco, prato, pascolo deserto o collina che si trova in quella direzione. L’ago della mia bussola si aggiusta con lentezza – si sposta di qualche grado, ed è vero che non indica sempre la direzione sud-ovest e che

possiede una buona autorità per tali oscillazioni, ma si aggiusta sempre tra l’ovest e il sud-sud-ovest. E’ in tale direzione che risiede per me il futuro e la terra sembra meno sfruttata e più ricca. Lo schizzo che delimiterebbe le mie passeggiate non è un cerchio bensì una parabola, o piuttosto è simile a una di quelle orbite di comete, che sono state ideate per  essere curve senza ritorno, in questo caso aprendosi verso ovest dove la mia casa occupa il posto del sole.” Camminare, Henry David Thoreau

Il mio giardino

gennaio, rosa

gennaio, margherite

gennaio, viola

Mi dirigo verso nord-ovest. Tanti piccoli colli intorno. A corona. Come perle infilate in una collana, che scendendo, cadono fino al mare.  Appesa al collo di una splendida donna, un po’ su con gli anni, e i tempi che l’hanno segnata. E’ uno sforzo ma, lei ha deciso di prendersi cura di quella parte di se che permette al tutto il suo essere di esistere in questa sostanza. Lo deve alla sua storia. Perché sa che non c’è nessuno che può amarla, se prima non lo fa lei stessa.  Imprimo le

mie orme, andando su questa campagna viva, con luoghi ancora incontaminati dall’urbanizzazione. In una posizione dominante per isolarsi dalla Valle, osservo, sotto le pendici si espande la vitalità dell’ora di punta. Su, in cima alla collina. La vista allarga il suo orizzonte ed anche la natura sembra emergere con i suoi colori e i profumi. Il verde domina, ma la macchia grigia a Valle lascia intravedere solo in parte il fiume. Guardando il mare, è una perla più grande, giù a destra. Qui si può individuare la vita, il via vai, si possono distinguere minuziosamente le case, le chiese, le scuole, i negozi e le aziende, facendo un giro di 360°. Dieci anni, venti al massimo. Fino a poco tempo fa, c’erano distese animate che cambiavano colore con le stagioni. Distese di petali rosa su alberi di pesche. Campi di un verde intenso a “puà” rossi, sì, di pomodori. Fusti alti con grandi foglie verdi, giganti, di tabacco. Vigneti, uliveti, interminabili aree contadine. L’odore nauseabondo delle stalle. Sempre vicine alle cucine, o alle finestre del vicinato.  Dicevano che respirare a pieni polmoni l’odore della stalla, faceva bene al raffreddore. “Stura i polmoni!” Sturava anche lo stomaco (aggiungo io). Il calore della stalla quello certo, sì, che era bello. Faceva casa. Famiglia. Le aziende raccontavano i colori e gli odori del tempo e della gente. La casa senza recinto. L’aia. Il grande albero per sonnecchiare e chiacchierare. Nonno teneva sempre una sedia o un panchetto libero, sotto il grande fico. Lu filaccene.  Davanti al portone, fuori e in cucina, davanti al camino, spesso la vita sociale delle donne si realizzava scambiandosi i favori dei lavori domestici. Le donne. Camminare, è la vita delle donne.


Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a All’aria aperta

  1. mitedora ha detto:

    Quando l’occhio si fa pensiero e vaga e si fa orma di vita. Anche attraversando memorie.

  2. Isaac ha detto:

    sembra di tornare indietro nel tempo… all’origine di tutto, prima della rivoluzione industriale…
    quando l’aria era pulita, il cibo era sano e … ma aspetta ! forse e’ ancora cosi! 🙂

  3. parolesenzasuono ha detto:

    ci sono donne e donne, così come ci sono uomini e uomini, ti direi

    fatto questo distinguo, sì, la vita delle donne è camminare e non solo

    mi piace il tuo ricordare di cosa sia piena la valigia del tuo viaggio sino ad oggi

    è importante non fermersi al passato ma sarebbe tremendo perdene i contatti

    un albero per crescere verso il cielo deve sprofondare le radici verso il basso

    (in un cerchio)

  4. falconieredelbosco ha detto:

    anch’io quando la domenica pomeriggio mi regalo una passeggiata in compagnia di mia moglie scelgo la direzione sud ovest forse perchè mi permette di vedere il sole volgere verso il tramonto.
    A nord mi abbraccia il semicerchio delle Prealpi lombarde mentre a sul chiude il cerchio uno spazio vuoto che nelle giornate limpide di dicembre è un Cezanne dipinto con l’appennino emiliano e il coloddo di un colle chiamato Montorfano , dinosauro solitario addormentato nella pianura padana.
    L’odore delle stalle e della vita contadina è impresso nella mia memoria olfattiva e riporta fedelmente ogni ricordo della mia più bella età.

    • germogliare ha detto:

      L’amore donato alla terra e alla sua storia, regala una pace vera, non commercializzabile.
      Le mie campagne, ahimé, non sono più quelle che dipingeva Michetti…le contadine e i pastori si sono evoluti.
      Vi abbraccio (buonapasseggiata!)

  5. “Camminare, è la vita delle donne.”
    Mia nonna cuciva. Punti piccoli, perché ricamava di fino. E mi diceva’ pensa te, se i punti che ho dato fossero passi…’. Così mi immaginavo strade di stoffa, percorse con l’ago. Anche questo, forse, è il camminare delle donne.
    (Piace leggerti)
    z.

    • germogliare ha detto:

      Sì. Le mie tessevano la tela, così mi raccontavano, non le ho mai viste operare, non si usava più. Sul telaio, il tessuto cresceva con il favore dei piedi e delle mani, agili. Ed erano metri e metri di tessuto, donato poi alle figlie e alle nipoti. Chilometri, che ora potrebbero coprire una strada.
      (Onorata)

  6. shappare ha detto:

    Che meraviglia. Ti immagino come il bocciolo, bella, decisa e con aperture inaspettate.

  7. cKlimt ha detto:

    Ti ho nominato!
    No, no, niente di preoccupante eh… 😉
    Nel senso che ho segnalato il tuo blog, come “LIEBNER BLOG”. Se ti va puoi passare a leggere
    Ovviamente nessun obbligo. Le catene non mi son mai piaciute, ma qualche volta è piacevole partecipare. Carlo

  8. germogliare ha detto:

    http://vimeo.com/33347421
    Ti ringrazio…è una responsabilità…ne sono stupita!
    Eh, un bacio in fronte 🙂 smack

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...