con un battito d’ali si levò in volo

Ovidio – Le metamorfosi

Libro Ottavo

Già, rischiarando di bagliori il giorno, Lucifero aveva
disperso le tenebre: cadde l’Euro e umide si alzarono
le nubi. Un placido Austro permise a Cèfalo di prendere
con gli uomini di Èaco la via del ritorno e di raggiungere,
prima del tempo, il porto a cui tendevano, col favore del vento.

(…) Dedalo, insofferente d’essere confinato a Creta
da troppo tempo e punto dalla nostalgia della terra natale,
era bloccato dal mare.

“Che Minosse mi sbarri terra ed acqua,”
rimuginò, “ma il cielo è pur sempre aperto: passeremo di lì.
Sarà padrone di tutto, ma non dell’aria!”.

Jon Jacobsen

(…) Dispone delle penne in fila,
partendo dalle più piccole via via seguite dalle più grandi,
in modo che sembrano sorte su un pendio: così per gradi
si allarga una rustica zampogna fatta di canne diseguali.
Poi al centro le fissa con fili di lino, alla base con cera,
e dopo averle saldate insieme, le curva leggermente
per imitare ali vere. Icaro, il suo figliolo, gli stava
accanto e, non sapendo di scherzare col proprio destino,
raggiante in volto, acchiappava le piume che un soffio di vento
sollevava, o ammorbidiva col pollice la cera
color dell’oro, e così trastullandosi disturbava il lavoro
prodigioso del padre.

Mathilde Roussel Paper sculture

(…)”Vola a mezza altezza,
mi raccomando, in modo che abbassandoti troppo l’umidità
non appesantisca le penne o troppo in alto non le bruci il sole.
Vola tra l’una e l’altro e, ti avverto, non distrarti a guardare
Boòte o Èlice e neppure la spada sguainata di Orìone:
vienimi dietro, ti farò da guida”. E mentre l’istruiva al volo,
alle braccia gli applicava quelle ali mai viste.

Kyle Thompson

(…) E già s’erano lasciati a sinistra
le isole di Samo, sacra a Giunone, Delo e Paro,
e a destra avevano Lebinto e Calimne, ricca di miele,
quando il ragazzo cominciò a gustare l’azzardo del volo,
si staccò dalla sua guida e, affascinato dal cielo,
si diresse verso l’alto. La vicinanza cocente del sole
ammorbidì la cera odorosa, che saldava le penne,
e infine la sciolse (…)

Mathilde Roussel Lifes of Grass

“Icaro!” gridava,
“Icaro, dove sei?” gridava, “dove sei finito?
Icaro, Icaro!” gridava, quando scorse le penne sui flutti,
e allora maledisse l’arte sua (…).

Marc Chagall La caduta di Icaro

 

La teoria del volo – The theory of flight, regia di Paul Greengrass

 

Nick Drake – Fly – Album: Bryter Layter

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte, cuore, emozioni, farfalle, filosofia, fotografia, libri, pensieri, riflessione, storia, terra, umanità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a con un battito d’ali si levò in volo

  1. Riyueren ha detto:

    Cosa posso dire? una meraviglia, come al solito.Quanto alle immagini che hai scelto…mi incantano.

  2. germogliare ha detto:

    Il testo di Ovidio è senza tempo sta bene anche con l’arte contemporanea, e ogni frase ti conduce a tanti ragionamenti. La volontà a provare a volare è quella che ho preferito raccontare.
    Un saluto

  3. melogrande ha detto:

    Straordinaria, la sequenza che hai creato, germogliare.
    Testi ed immagini, video e musica.
    Una meraviglia…

  4. Elena ha detto:

    Immagine da restare a bocca aperta! Complimenti!

  5. gelsobianco ha detto:

    Una meraviglia!
    Hai saputo creare qualcosa di unico… con i testi, le immagini, il video e la musica.
    La voglia di volare…
    (anche per lei che aveva ben poco da vivere!)
    Sono senza parole…
    Un inchino per te!
    gb

  6. melodiestonate ha detto:

    sin da piccola ho sempre amato questo testo………..complimenti per le foto

  7. gelsobianco ha detto:

    Il testo di Ovidio è incredibile!
    Devo rileggerlo.
    Ogni tanto è bello farlo.
    Tu sei bravissima!
    Te lo scrivo ancora… anche questa notte!
    🙂
    gb

  8. Sara ha detto:

    si può anche…”lievitare”, è una rincorsa al volo, ma in verticale..lo sai vero?
    ci hai mai provato…tu? 😀

  9. parolesenzasuono ha detto:

    lasciarsi cadere verso l’alto—

  10. loltreuomo ha detto:

    Reblogged this on delloltreuomo.

  11. lois ha detto:

    L’idea di volare, di oltrepassare i confini della natura umana, è da Icaro in poi, il segno della capacità di sognare, di ambire sempre verso nuove mete, nuovi spazi, anche a rischio della propria pelle. Credo in fondo che rappresenti questo il mito di Icaro; il sogno è più forte di tutto e perseguirlo con passione e decisione ci distoglie da qualunque altro pensiero, anche quello dell’incolumità!

    • gelsobianco ha detto:

      Andare… oltre… oltre i nostri limiti di esseri umani… senza preoccuparsi di nulla.
      Andare oltre…

    • germogliare ha detto:

      Lois, sì, trovo che sia giustissimo il tuo pensiero e il finale del Barone rampante, che adoro, rafforza ciò che dici.
      ” L’agonizzante Cosimo, nel momento in cui la fune dell’ancora gli passò vicino, spiccò un balzo di quelli che gli erano consueti nella sua gioventù, s’aggrappò alla corda, coi piedi sull’ancora e il corpo raggomitolato, e così lo vedemmo volar via, trascinato nel vento, frenando appena la corsa del pallone, e sparire verso il mare…”
      Un saluto

  12. masticone ha detto:

    Altro post incredibile
    Chapeau

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...