di alberi e di cime

Il Barone Rampante. Italo Calvino

“Cosimo rifiutò le lumache  e decise di separare la sua sorte dalla nostra.”

Magda Sayed

Magda Sayed

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’è il momento in cui il silenzio della campagna si compone nel cavo dell’orecchio in un pulviscolo di rumori, un gracchio, uno squittio, un fruscio velocissimo tra l’erba, uno schiocco nell’acqua, uno zampettio tra terra e sassi, e lo stridio della cicala alta su tutti.”

Myoung Ho Lee

Myoung Ho Lee

“Cosimo si gettò sul folto: avrebbe voluto che fosse mille volte più folto, una valanga di foglie e rami e spini e caprifogli e capelveneri da affondarci e e sprofondarci e solo dopo essercisi del tutto sommerso cominciare a capire se era felice o folle di paura.”

Giuseppe Penone

Giuseppe Penone

 

 

 

 

 

 

“Si conobbero. Lui conobbe lei e se stesso, perché in verità non s’era mai saputo. E lei conobbe lui e se stessa, perché pur essendosi saputa sempre, mai s’era potuta riconoscere così.”

François Méchain

François Méchain

 

 

 

 

 

 

 

 

 

” – Oh, Viola, io non so più, io m’arrampicherei non so dove… -A me, – Diceva Viola, piano, e lui era come matto. L’amore era per lei esercizio eroico: il piacere si mescolava a prova d’ardimento e generosità e dedizione e tensione di tutte le facoltà d’animo. Il loro mondo erano gli alberi i più intricati e attorti e impervii. – Là! – esclamava indicando un’alta inforcatura di rami, e insieme si slanciavano per raggiungerla e cominciava tra loro una gara d’acrobazie  che culminava in nuovi abbracci. S’amavano sospesi nel vuoto, puntellandosi o aggrappandosi ai rami, lei gettandosi su di lui quasi volando.”

Sarolta Bán

Sarolta Bán

“Puntarono i cannocchiali sulla piazza, osservando l’uomo sull’albero, il lenzuolo teso, la folla, aspetti strani del mondo. Anche Cosimo aveva alzato il capo, e guardava attento il pallone.

Quante’ecco che il pallone fu preso da una girata di libeccio; cominciò a correre nel vento vorticando come una trottola, e andava verso il mare.”

Myeongbeom Kim

Myeongbeom Kim

“-Cosimo Piovasco di Rondò – Visse sugli alberi  – Amò sempre la terra – Salì in cielo.”

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte, cuore, farfalle, foglie, fotografia, libri, sorriso, terra, umanità, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

47 risposte a di alberi e di cime

  1. melogrande ha detto:

    La favola più bella che abbia letto da grande…
    E bellissime le immagini che hai trovato per accompagnarla.

  2. scudieroJons ha detto:

    …e così a queste cinque signore deve essere venuta voglia d’andare a far visita al Barone. Difatti si dice di una quercia, che si chiama ancora la Quercia delle Cinque Passere, e noi vecchi sappiamo quello che vuol dire.
    Fu un certo Gè, mercante di zibibbo, a raccontarlo, uomo a cui si può dar credito. Era una bella giornata di sole, e questo Gè andava a caccia nel bosco; arriva a quella quercia e cosa vede? Se le era portate tutte cinque sui rami, Cosimo, una qua e una là, e si gustavano il tepore, tutte nude, cogli ombrellini aperti per non farsi scottare dal sole, e il Barone era lì in mezzo, che leggeva versi latini, non riuscii a capire se d’Ovidio o di Lucrezio.
    Ciao : )

    • germogliare ha detto:

      …Fatto sta che a quel tempo cominciò l’usanza che quando una ragazza s’ingrossava e non si sapeva chi era stato, veniva comodo di dare a lui la colpa.
      (tuttavita!!!) Ciao : )

  3. Elena Marino ha detto:

    Bellissimo. Grazie. Lo rileggerò, con queste nuove immagini negli occhi.

  4. laxstyle ha detto:

    A scuola mi avevano quasi costretta a leggerlo. Come per tanti altri libri, la sua bellezza l’ho riscoperta tanti anni dopo.

  5. massimobotturi ha detto:

    piccoli tesori
    riesumati da mani esperte

  6. bakanek0 ha detto:

    Felice scelta di immagini evocatrici (o parole che evocano immagini?). Non so…:)

    • germogliare ha detto:

      Bella, 🙂 …direi che le une non potrebbero vivere senza le altre, per me, nella mia testa. Delle volte sono le parole che trovano le immagini e viceversa. Capita che osservo.

  7. grazie per averci fatto rileggere un po’ di Calvino e per le splendide immagini!

  8. Pannonica ha detto:

    Devo proprio leggerlo, credo sia proprio arrivato il momento.
    Il racconto delle tue immagini è fantastico. 🙂

  9. Insenseofyou ha detto:

    Calvino da non dimenticare mai tra immagini come tanti deliziosi fuochi. 🙂

  10. Insenseofyou ha detto:

    Eterna la pienezza dell’albero …

  11. gelsobianco ha detto:

    Un libro che è sempre vicino a me!
    Amo Il Barone Rampante visceralmente.
    Amo tutto Calvino in realtà.
    Che meraviglia l’immagine di Sarolta Bán.
    Sei bravissima nell’accostare frasi significative ad immagini altrettanto parlanti.
    Ti sorrido
    gb
    Poi tu ami Il barone Rampante e, quindi…

    • germogliare ha detto:

      Calvino. Sogno o realtà? Dov’è il limite della fantasia? Le sue storie le trovo talmente reali, concrete al punto da preferirle allo specchio per guardarmi dentro, quando cerco risposte in me.
      E le immagini, questa è arte contemporanea, dietro alle immagini che porto ci sono dei progetti artistici che concettualmente si legano alla parola data. Cerco materiale per incuriosirvi, e mi diverte fare questo. Magari qualcuno che passa di qui si appassiona all’arte contemporanea.
      Ti sorrido.
      …amo le favole!

  12. il barman del club ha detto:

    è tutto bellissimo…

  13. melodiestonate ha detto:

    bellissimo libro e belle le foto che hai messo……brava

  14. aitanblog ha detto:

    Le immagini commentano benissimo uno dei libri che più incantarono la mia prima adolescenza.

  15. stileminimo ha detto:

    Vivere sugli alberi non è stato sempre un sogno; un tempo ci stavamo veramente, dicono. Forse è per questo che ci sembra tanto bella questa favola, perchè un po’ ci ricorda qualcosa che ci appartiene e che è svanito nel tempo. E’ bello “guardare” queste tue pagine, sempre.

  16. katinkawonka ha detto:

    immagini stupende… l’ estate scorsa in occasione di una festa ho addobbato un albero del giardino con dei “bracciali di stoffa”… 🙂

  17. Nicola Losito ha detto:

    Grandissimo Calvino! Esco favorevolmente colpito proprio da una recente immersione nel Visconte dimezzato e nel Cavaliere inesistente… Mentre il Barone rampante è stato un incontro di tanti anni fa. Grazie per averlo riproposto. Molto belle le immagini scovate in rete.
    Nicola

    • germogliare ha detto:

      Bellissime letture… io ho amato molto anche “Fiabe italiane”, una raccolta di fiabe rappresentative di tutte le regioni d’Italia. Amo l’arte contemporanea, faccio scorta di materiale.
      Grazie a te 🙂

  18. lillopercaso ha detto:

    Le immagini postate da te superano quelle della mia immaginazione.
    Me lo ririri..leggerò, che oltretutto finisce pure bene, che meglio non potrebbe.
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...