Pasticcio di Delizia (Delizia, come il nome di una donna)

Lee Price

Lee Price

E’ impossibile pensare che le ombre che ci hanno accompagnato per un po’, ora lontane, un giorno non ritornino. Al destino piace giocare a nascondino e, fatalità, manda l’ombra remota come uno sgambetto. La mia è ricomparsa nell’attimo e nell’ora in cui avevo deciso di uscire dal castello e di mostrarmi.  Ero predisposta all’incontro. Generico. Speravo. Convinta. Non avrei celato più neanche una piccola parte di quelle qualità che mi distinguono da ogni altro essere umano; lasciandomi  guidare, invece, semplicemente, dal mio istinto naturale, dall’educazione verso il comportamento delle relazioni esclusive. Tale come sono, sarei giunta al debutto con tutte le facce, insieme, nessuna esclusa, un pasticcio di me come una torta, contenente mille sapori, da lasciare le papille gustative in un trambusto energizzante.

Lee Price

Lee Price

Mmm!!! Caos di delizia (Delizia… come il nome di una donna).

Una ciotola di pane raffermo, mezzo litro (o più) di latte molto caldo cui aggiungete un pezzetto di burro, e che unite al pane, un bicchierino di rum o brandy, in cui mettete ad ammollare un pugno di uva passa nera, 2 uova, zucchero (a piacere). Mescolate tutto insieme a lungo. Poi, un po’ di biscotti secchi e sbriciolati, (se vi piace, aggiungete un po’ del liquore dell’uvetta), un pizzico di sale, di vaniglia, di zenzero, di noce moscata (meno degli altri), di cannella, un bicchiere di cacao, dopo, un pugno di pezzetti di cioccolata fondente, di mandorle lessate e spellate (intere), l’uvetta strizzata e una mela sbucciata e fatta a pezzetti. Mischiate bene ancora a lungo tutto e mettete in forno, un’oretta a 160°.
A me piace così, se volete osare di più, allora servitelo con una copertura leggera di marmellata di ciliegie o una crema di cioccolato amaro.

 
Waitress – Ricette d’amore, di  Adrienne Shelly.

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in arte, cinema, diario, donne, felicità, fotografia, pensieri, riflessioni, sorriso e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

27 risposte a Pasticcio di Delizia (Delizia, come il nome di una donna)

  1. bakanek0 ha detto:

    Davvero sempre brava ad abbinare commenti pertinenti e all’altezza delle immagini (d’autore). 🙂

  2. alegbr ha detto:

    certe mattine fai parlare altro, vorrei sapere se qui rava e bollani non hanno già detto tutto.
    la prima foto è bellissima.

  3. tramedipensieri ha detto:

    Delizia…..
    Ci piace questa parola….
    delica e sensuale….come il cibo…

    buona giornata
    .marta

  4. massimobotturi ha detto:

    l’unico dolce che non fa sentire in colpa

    🙂

  5. gelsobianco ha detto:

    “Tale come sono, sarei giunta al debutto con tutte le facce, insieme, nessuna esclusa, un pasticcio di me come una torta, contenente mille sapori, da lasciare le papille gustative in un trambusto energizzante.”
    Così volevo. Così speravo.
    Ma…
    Così riproverò.
    Voglio la delizia e voglio regalarla.

    Immagini splendide e tuoi commenti alla loro altezza!
    E non è un caso, cara.

    Buonecosetutte!
    Abbraccitantitanti.
    gb

    • germogliare ha detto:

      La libertà di essere e quella di avere. Totalmente e con piacere assoluto.
      “Non c’è uomo che non possa bere o mangiare, ma sono in pochi in grado di capire che cosa abbia sapore”. Confucio
      🙂

      • gelsobianco ha detto:

        Troppo pochi uomini sanno distinguere ciò che ha sapore veramente.
        Sì. “La libertà di essere e quella di avere. Totalmente e con piacere assoluto.”
        Mi hai compresa perfettamente.
        Grazie, cara.
        🙂
        gb

  6. mitedora ha detto:

    Che germogliar di feconde endorfine! Un abbraccio. Dora

  7. creepylaanan ha detto:

    c’è un fumetto che è anche opera letteraria.
    si parla di antiche entità, personificazioni di concetti.
    c’era Delizia, un’adorabile ragazzina, amava molto il fratello Distruzione ma la sua vicinanza la rovinò. da quel giorno si chiamò Delirio.
    il fumetto è Sandman, scritto da Neil Gaiman, interessante scrittore

    • germogliare ha detto:

      grazie. molto interessante, affascinante. Anche la mia Delizia subisce l’influenza di qualcuno simile a Distruzione, è per questo che tende a starsene chiusa nel castello. Si sa, nei nei racconti può accadere di tutto, la relazione tra personaggi e spazio-tempo, può fare qualsiasi gioco.

  8. isaac ha detto:

    e cosi siamo entrambi vicini ai fornelli in questi giorni… facciamo che mi da un po’ di delizia in cambio di una gustosa papaya salad?

  9. Pannonica ha detto:

    è per post come questo che mi piaci tanto!

    p.s.: ultimamente ho la sensazione che commentare i tuoi post sia diventato superfluo, nel senso che, mentre scrivo il commento, penso già di cancellarlo perché mi dico da sola: ma che glielo a fare? tanto già lo sa. 🙂

  10. il barman del club ha detto:

    come ho già detto in un altro blog, i peccati di gola sono i più belli. Tra l’altro sarà anche uno dei “sette” ma, anche li bisognerebbe discutere, perché le bellezze gustate con tutte le qualità dei sensi, sono e saranno tutto, fuorché peccato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...