Dunque, questa è la conclusione a cui sono arrivata. Lo rifarei ancora e ancora ancora

luglio 1992

monticchiello_91adinapugliese

…e quanto è maggiore il valore, se considerato tale colui che ci accompagna.

 

Pat Metheny and Toots Thielemans – Always And Forever 1992

 

 

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte, cuore, diario, fotografia, luce, musica, pensieri, sorriso e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

23 risposte a Dunque, questa è la conclusione a cui sono arrivata. Lo rifarei ancora e ancora ancora

  1. Egle1967 ha detto:

    A volte basta diventare spettatori di se stessi…e spesso lo si e’ .
    La parte migliore di noi si produce proiettando negli occhi di chi ci e’ testimone di cio’ che siamo in potenza!
    Again and again .

  2. gelsobianco ha detto:

    Germoglia cara, lasciami solo ascoltare questa musica splendida!
    Fammi essere solo pura sensazione.

    Poi torno da te!
    Lo sai.
    Ormai mi conosci.
    Con affetto sincero.
    gelsa
    Sei sempre la persona vera, autentica che sei!:-)

  3. Riyueren ha detto:

    Bellissimo..e che musica…vale anche per me. Smack!

  4. bakanek0 ha detto:

    Tutto è parte del germogliare rigoglioso, mia cara amica con fossette che lovvo. Testimonianza di noi. La musica che hai scelto è una gemma sul ramo, suonata dal vento. Ora torno a riascoltarla!

  5. giolic ha detto:

    Si..crederci, nonostante tutto, perchè il valore che portiamo accresce quando si unisce e si espande e lo possiamo riconoscere negli occhi dell’altro\a.
    Grazie di avermi dato il buongiorno stamane con questa meravigliosa melodia, adoro Pat Metheny, e questa versione di Always and Forever in particolare mi è molto cara.
    un abbraccio e buon weekend
    🙂

    • germogliare ha detto:

      Che senso avrebbe altrimenti vivere? Adoperarsi solo per consumare il giorno lasciandolo con tracce sterili? Invece è patrimonio ciò che facciamo è può essere ripreso da altri, concatenandosi all’infinito.
      La musica, spesso è colonna sonora di un vivere, ci accomuna questa, per me molto speciale, mi fa piacere 🙂
      buonecosequalsiasiessesiano. baci

  6. il barman del club ha detto:

    ogni artista lascia un’impronta dietro di sé, un segno indelebile che nessuno potrà cancellare. Lui potrà pensare a chi verrà dopo di lui; o solamente alla sua ribellione interiore, alla sua emozione più profonda, al suo desiderio di essere al centro del mondo anche solo per un momento… ma il tutto alla fine si ricongiunge dentro il centro dell’universo, che poi alla fine è il nostro cuore pulsante: galassie in espansione come i nostri respiri… e noi godiamo di tanta meraviglia !!!

  7. biobioncino ha detto:

    pat metheny eccellente .. non vai in vacanza germagliante signora ? kiss :lol:)

  8. gelsobianco ha detto:

    ognuno di noi lascerà la sua piccola o grande traccia, nel bene o nel male, del suo passaggio, che sarà, comunque, eredità di chi verrà dopo… in un un ciclo infinito.

    la musica è always and forever.

    viviamo, dunque, nel modo più profondo possibile!

    per te, Germoglia cara!
    gelsa

    • gelsobianco ha detto:

      per te, Germoglia, un video che ha significati molto forti, intensi.
      ti abbracciobacio
      gelsa

      • gelsobianco ha detto:

        lo stesso video è stato postato da Bakaneko nel suo blog.
        Io non lo sapevo.
        Assolutamente no.

        Credo comunque che, in questo video, si possano vedere tanti aspetti.
        gelsa

    • gelsobianco ha detto:

      In una intervista Cohen, dice anche:
      “…it’s curious how songs begin because the origin of the song, every song, has a kind of grain or seed that somebody hands you or the world hands you and that’s why the process is so mysterious about writing a song. But that came from just hearing or reading or knowing that in the death camps, beside the crematoria, in certain of the death camps, a string quartet was pressed into performance while this horror was going on, those were the people whose fate was this horror also. And they would be playing classical music while their fellow prisoners were being killed and burnt….”

      Ecco una delle ragioni per cui io ho postato qui da te, Germoglia, questo video!
      gelsa

  9. germogliare ha detto:

    Ciò che mi affascina di più, del confronto con gli altri, è proprio l’azione del pensiero personale che vi si sviluppa a seguito, che può diramarsi in infinite vie e approdare su isole remote ai più. Di quanto mistero siamo circondati, e meraviglioso è vedere coloro che si impegnano alla ricerca di una verità e che magari accomuna.
    Ti ringrazio per l’attenzione riservata a queste pagine.
    Stammibene, un abbraccio

    • gelsobianco ha detto:

      Sì. Concordo con tutto quello che capto dalle tue parole.
      Io ti riservo attenzione perchè tu, per me, ne meriti molta.
      Io mi fermo dove sento che vi è qualcosa che mi stimola.
      Tu mi fai nascere ancora stupore.
      Ti auguro moltissimo, Germoglia cara.
      Ti abbraccio
      gelsa.

  10. luceombra76 ha detto:

    Secondo me si lascia un segno a prescindere, nel bene o nel male, se poi chi lo percepisce gli da un valore ancora meglio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...