Dicembre con il sole di un anno fa

Man Ray, ritratto di Lee Miller

Man Ray, ritratto di Lee Miller

Oggi

Ma come sono sembrate lunghe queste settimane, mesi. “ Mesi”, dici? Oddio non mi sembra vero. Era dicembre, sì. Giorni di questi, sì. Il sole era più caldo, ricordi, lo scorso dicembre il sole scaldava che pareva di essere a settembre.  Sulla collina dietro casa, con gli ulivi stracolmi di frutti, spesso me ne stavo in canotta, sperando che quel tepore potesse alleviare i dolori lancinanti del petto e della schiena. “… e del cuore!”, mi fai sorridere, sì, anche del cuore, ma il mio lo sai che è corazzato, si difende in modo esemplare anche dal cancro e dalle metastasi. Mi lamento che mi fa male? Dici? Lo so. Lo so, perché in parte è lacero dai pizzichi all’anima.

John Demos, Tino, Grecia, 1986

John Demos, Tino, Grecia, 1986

Lo spirito, che riesce a trovare, come fa il vento, ogni minima fessura per insidiarsi, usa ogni possibilità, nei corpi predisposti, certamente, quelli fatti di materia porosa, diciamo, per andare a depositarsi.  E ti fa disponibile, fa disponibile il tuo cuore, a godere di gioie fanciullesche che lo rafforzano o dolori come da tagli di bisturi che lo aggravano. E poi passa, per un po’ passa. Guardo fuori, dalle mie finestre grandi, senza scurini, che ingannano il dentro con il fuori. Tanto che la musica, i libri, il vassoio con la teiera e la tazza, le palle di Natale con la neve, le mille cianfrusaglie e agende, sulla scrivania, e anche il mio letto, sembrano un tutt’uno con il giardino, le foglie e le ghiande a terra. E non ti dico il sole, che da qui, dentro, fa più caldo, che bello che è, a riflettere sulle foglie gialle delle ortensie, dei fili verdi dei papiri e quelle tonde dell’alloro, e poi, le ombre ben definite delle piante sull’erbetta. Amo ogni stagione, anche dicembre, con un maglione addosso, che mi copra il collo, ora che i capelli sono cortissimi.

Johnny Savage

Johnny Savage

Evi Vine ~ Inside Her

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, felicità, foglie, fotografia, luce, musica, pensieri, riflessioni, sorriso, terremoto, uomini, vita e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Dicembre con il sole di un anno fa

  1. mitedora ha detto:

    Come te. Pochi. Poche.

  2. the pellons' ha detto:

    Amo l’inverno, amo febbraio, amo il freddo e il frizzo dell’aria.

  3. roceresale ha detto:

    Che meraviglia la foto di Savage, grazie (e non solo della foto)

  4. il barman del club ha detto:

    musica sublime… foto ancra più belle… il tuo testo poi diventa come assaporare l’intimità più invisibile. E non conta la lunghezza dei capelli quando si possiede un animo grande e una forza ancora più intensa. Tutto si confonde… dentro e fuori: la vita può anche essere un fiore, un fiocco di neve, ma nulla è perduto quando si esiste nella propria bellezza interiore

  5. Isaac ha detto:

    ALTTTTT!!!

    Credi che possa lasciarti li accasciata mentre ti struggi nel ricordo di un passato che non solo non esiste più ma che soprattutto stai rimodellando a tuo piacimento affinché sia più bello di come fosse in realtà ?
    Oh no, ti sbagli stellina !

    Ora ti alzi da li e lasci che il tuo spirito vada ben oltre le “fessure per insidiarsi”, bensì avvolga ogni cosa che ti è accanto, che la tua luce si espanda nell’universo generata da un pozzo pieno d’amore.
    Voglio che il tuo spirito infinito sia più grande di ogni passato, di ogni malattia, di ogni rimorso, di ogni dolore e di ogni paura.
    Pensalo, immaginalo, prendi coscienza della tua energia, sii grata di questo singolo istante che è il PRESENTE

    che sia per sempre o anche solo per un piccolo secondo,
    tu puoi essere più grande dell’universo ! 🙂

    una stella cometa!

    • germogliare ha detto:

      Lasciami accasciare un attimo che poi mi rialzo.
      Nell’universo so di essere un piccolissimo granello di polvere, ma la meraviglia è sapere di essere insieme a tanti altri granelli di polvere e così poter creare una grande materia, magari una stella cometa, anche.
      Stammibene sempre, ovunque nel mondo, questo, io ci provo, io ci provo, faccio quotidiano esercizio, anche ad occhi chiusi.

  6. Nicola Losito ha detto:

    Prosa che colpisce mente e cuore.
    Nicola

  7. Badev ha detto:

    Germogliare è il tuo giusto nome. Parole minute, sottovoce, come instancabile erbetta.

  8. guido mura ha detto:

    Incantevole il tocco delle tue parole, come i suoni rarefatti di Evi. Continua a creare bellezza, anche quando non sarà più inverno. Resterò qui ad ascoltare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...