Art. 12 – La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni

 Maddalena Penitente, dalla scuola di Antonio Canova


Maddalena Penitente, dalla scuola di Antonio Canova *

Art. 3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

 

 

Lago di Como, settembre 2016

Lago di Como, settembre 2016

Art. 4

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.

Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Palamede, Antonio Canova

Palamede, Antonio Canova **

Art. 9

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Costituzione italiana

 

*Maddalena Penitente, dalla scuola di Antonio Canova
In una piccola stanza è conservata una copia coeva della Maddalena Penitente di Antonio Canova, anch’essa di proprietà di Sommariva che la acquisì nel 1808 e la collocò nel palazzo di Parigi. L’allestimento evoca quello ideato dal Sommariva che desiderava che questa scultura fosse esposta in penombra, in un piccolo cabinet dalle pareti rivestite di seta grigia e illuminata da una lampada d’alabastro in modo da farne risaltare la delicata sensualità.
**Palamede, Antonio Canova
La scultura ritrae Palamede, figlio di Nauplio, re dell’Eubea, mitico inventore del gioco degli scacchi, dei dadi e di alcune lettere dell’alfabeto greco, nonché scopritore di uno dei più celebri inganni di Ulisse. Il re di Itaca, infatti, quando vide giungere nella sua isola Agamennone, Menelao e lo stesso Palamede, che volevano indurlo a partire per Troia, si finse pazzo, facendosi trovare ad arare con il vomere trainato da un bue e un asino e seminando manciate di sale. Ma Palamede intuì l’inganno, strappò dalle braccia di Penelope il piccolo Telemaco e lo gettò di fronte all’aratro, costringendo Ulisse a fermare gli animali per non uccidere l’unico figlio, dimostrando così di non essere pazzo e di essere quindi in grado di partire per la guerra. Egli tuttavia non dimenticò mai che fu l’intuizione di quel giovane a costringerlo alla partenza e appena ne ebbe l’occasione, ordì un inganno che porto all’ingiusta condanna a morte di Palamede. Il ritratto di questo eroe, caduto in disgrazia a causa delle calunnie di Ulisse, doveva offrire un soggetto particolarmente accattivante per il Sommariva che, destituito dal potere politico che aveva detenuto fino agli inizi dell’Ottocento, volle così farsi credere vittima degli intrighi dei propri nemici. Esposta nello studio romano di Canova nel 1805, la statua cadde a terra, dopo un’inondazione del Tevere, per il cedimento del bilico su cui poggiava, rischiando di travolgere l’artista. Lesionata in diversi punti venne restaurata dallo stesso Canova tra il 1806 e il 1808. Il trasferimento nella villa di Tremezzo avvenne nel 1819; qui venne collocata nella stessa stanza in cui ancora oggi trova posto, con quinte di specchi per esaltarne l’assoluta perfezione formale.

Da: www.villacarlotta.it

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in arte, attualità, cuore, diario, emozioni, fotografia, germogliare, luce, pensieri, riflessioni, storia, terra, umanità, vita e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Art. 12 – La bandiera della Repubblica è il tricolore italiano: verde, bianco e rosso, a tre bande verticali di eguali dimensioni

  1. il barman del club ha detto:

    La nostra costituzione è probabilmente una delle migliori al mondo, e mi da estremamente fastidio (da vent’anni a questa parte) il fatto che la vogliono cambiare. Ormai il nostro paese è in mano al malaffare ed ogni movimento è fatto solamente per un introito economico. Il cittadino non conta più nulla… paga e basta. Dovrebbero rileggerla, insegnarla veramente nelle scuole, capirla per metterla in pratica a tutti gli effetti. La Maddalena penitente insegna, e la scritta “acquisti” sotto la scultura di Palamede del Canova, è di un’ironia sottilissima. Alla fine ci rimette la cultura, e di conseguenza tutti noi …

    • germogliare ha detto:

      Grazie. Il tuo commento completa il post. Non potevo aggiungere un mio testo. Parlano le immagini e gli Articoli della Costituzione italiana. L’Italia? ma è il mondo intero che va allo sbaraglio. E nostri figli vagano come Ulisse alla ricerca della sua Itaca.

  2. tramedipensieri ha detto:

    La nostra costituzione sta “bene” sono gli altri i pazzi. E dai pazzi non gli si può permettere di toccarla.

    Ciao
    .marta

    • germogliare ha detto:

      Dovremmo impararla a memoria e assimilarne i contenuti. Prendere atto del valore che essa sostiene. E non ultimo, diventare più patrioti, magari copiare da certi Stati dov’è uso comune appendere una bandiera.
      Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...