Che le nuvole portino acqua per lavare questo stato

La pioggia, le lacrime, il freddo fuori e dentro; i pedoni a coprisi, incappucciati o sotto l’ombrello; gli automobilisti che fremono anche da fermi, con i tergicristalli che vanno a destra e sinistra. Le pozzanghere che fanno da specchio al grigio dei palazzi ai manifesti affissi, ai toni della natura, invernali. I colori:rosso, giallo verde; quelli dei semafori, pochi quelli ancora rimasti.

Era aprile del 2011 e ascoltavo questa poesia di Fabrizio de Andrè. Oggi ritorna, è ancora pioggia e nuvole

viaVoglia di pioggia

Annunci

Informazioni su germogliare

Io mi ricordo di ieri. Vigorosamente penserò a domani, alla gioia condotta da un giorno nuovo. Io mi nascondo dietro al bianco e nero. Minuziosamente raccoglierò le sfumature dei colori, per farne scorta. L’anamnesi mi appaga e mi strazia.
Questa voce è stata pubblicata in amicizia, amore, arte, attualità, cancro, cinema, diario, emozioni, film, luce, metafora, music, musica, pensieri, riflessione, riflessioni, Uncategorized, uomini, vita e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...