Canada, in Quebec i medici protestano contro lʼaumento del salario

Cose dell’altro Mondo! È menomale che al Mondo esistono persone che hanno una consapevolezza della realtà.

9 marzo 2018

In 700 hanno firmato una petizione per chiedere al governo di usare quei soldi per ridistribuire le risorse alla sanità pubblica e garantire un buon servizio e cure adeguate a chi ne ha bisogno

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/canada-in-quebec-i-medici-protestano-contro-l-aumento-del-salario_3127453-201802a.shtml

Annunci
Pubblicato in attualità, cancro, cuore, diario, felicità, luce, riflessioni, sorriso, storia, terra, terremoto, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , , , | 4 commenti

Stato. Italia. Breve riordino di memoria

Luigi Ghirri, Argine Agosta Comacchio, 1989 – da Il profilo delle nuvole (1980-1992)

E. Mio figlio, il gigante grande ha lasciato l’Italia poco più di tre anni fa, laureato, da subito ha cominciato a fare qualsiasi lavoro e da pochi giorni è in una grande multinazionale. Non amava questa Italia disordinata ma amava e ama la sua famiglia, la sua casa qui. Due o tre anni prima di partire per la Nazione dove si è stabilito, era solito andare per le vacanze oltre oceano dagli zii. Al ritorno lo trovavo sempre più appagato e sereno, felice. Dopo il diploma mi disse che voleva lasciare l’Italia, anche solo per lavorare. “Perché?”, “Perché altrove la gente sorride, nei locali ti salutano, chiacchierano facilmente, qui no, la gente è triste, arrabbiata.” E. Mio figlio il gigante piccolo, che piccolo non è più, sta organizzando la sua vita per partire a breve, per ora sarà un sopralluogo. Dovrei essere triste. No! Sono orgogliosa di questi giovani che non voglio vendersi a ricatti, essere sfruttati, e chiedono il meglio a costo di grandi sacrifici. Magari un giorno torneranno per aiutare chi resta e riesce a riportare l’Italia alla superficie.

“O studianti, studiate le matematiche, e non edificate sanza fondamenti.” Leonardo Da Vinci, 1452-1519, ingegnere, pittore, scienziato

“Rare sono le persone che usano la mente, poche coloro che usano il cuore e uniche coloro che usano entrambi.” Rita Levi Montalcini, 1909-2012, neurologa, senatrice, premio Nobel

“È sempre la storia di Socrate, di Cristo e di Colombo! Ed il mondo rimane sempre preda delle miserabili nullità che lo sanno ingannare.” Giuseppe Garibaldi, 1807-1882, generale, patriota, condottiero, scrittore

“Sono figlio della libertà, e a lei devo tutto ciò che sono.” (Epigrafe sulla sua tomba) Camillo Benso, conte di Cavour, 1810-1861, politico, imprenditore

“Vogliamo la patria, la patria una e rapidamente. Possiamo cedere su tutto; su questo no. Potete, sapete darcela?” Giuseppe Mazzini, 1883-1961, patriota, politico, giornalista

“L’Islam è il Corano. Comunque e dovunque. E il Corano è incompatibile con la Libertà, è incompatibile con la Democrazia, è incompatibile con i Diritti Umani.” Oriana Fallaci, 1929-2006, scrittrice, giornalista

“Giulio Moneta [dal balcone, in manette, mentre viene arrestato dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia]: Ad esser sinceri, Catellani da qualche anno è un po’ carente sui tessuti pettinati. Per me, il miglior sarto di Roma resta Rebecchi.

Jep Gambardella: Ma lei chi è?

Giulio Moneta: Un uomo laborioso. Uno che mentre lei trascorre il tempo a fare l’artista… e a divertirsi con gli amici, fa andare avanti il Paese. Io, faccio andare avanti questo Paese, ma molti ancora non lo hanno capito.

Jep Gambardella: Ma ti rendi conto, Dadina? Il mio vicino di casa era Giulio Moneta, uno dei dieci latitanti più ricercati del mondo, ed io mai accorto di nulla.” Jep è Toni Servillo in La Grande Bellezza, regia di Paolo Sorrentino 2013

“La stirpe non fa le singulari persone nobili,
ma le singulari persone fanno nobile la stirpe.” Dante Alighieri, 1265-1321, poeta, scrittore, politico

“La scarsa considerazione che la nostra classe politica e in particolare quella più recente riserva all’istruzione, all’università e alla ricerca è la conseguenza del basso livello culturale della gran maggioranza degli eletti in Parlamento.” Margherita Hack, 1922-2013, scenziata, astrofisica

“Nun c’è niente de più bello de na persona in rinascita. Quanno s’ariarza dopo na caduta, dopo na tempesta e ritorna più forte e bella de prima. Con qualche cicatrice in più ner core sotto la pelle, ma co la voglia de stravorge er monno, anche solo co un sorriso.” Anna Magnani, 1908-1973, attrice, premio Oscar

“Gli italiani si governano da soli.” Alberto Sordi, 1920-2003, attore, compositore, regista

Pubblicato in amore, arte, attualità, cinema, cuore, diario, donne, emozioni, figli, giganti,, film, filosofia, fotografia, germogliare, libri, luce, mare, metafora, music, musica, pensieri, photography, riflessione, riflessioni, storia, stupidità, terra, terremoto, Uncategorized, uomini, vita, wikipedia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 7 commenti

Che le nuvole portino acqua per lavare questo stato

La pioggia, le lacrime, il freddo fuori e dentro; i pedoni a coprisi, incappucciati o sotto l’ombrello; gli automobilisti che fremono anche da fermi, con i tergicristalli che vanno a destra e sinistra. Le pozzanghere che fanno da specchio al grigio dei palazzi ai manifesti affissi, ai toni della natura, invernali. I colori:rosso, giallo verde; quelli dei semafori, pochi quelli ancora rimasti.

Era aprile del 2011 e ascoltavo questa poesia di Fabrizio de Andrè. Oggi ritorna, è ancora pioggia e nuvole

viaVoglia di pioggia

Pubblicato in amicizia, amore, arte, attualità, cancro, cinema, diario, emozioni, film, luce, metafora, music, musica, pensieri, riflessione, riflessioni, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

La felicità è dietro l’angolo, basta saper aspettare. Gràzie assàje

I’ nun m’arricordo cchiù

si stevemo bbuono

tanta storie tutte ‘nzieme

nun se ponno fa’

stevemo troppo fora

e so’ parole o è fantasia

oppure chesta è ‘nata via

I’ nun m’arricordo cchiù

si stevemo bbuono

c’a paura ‘e ghì a scola

o ‘e suppurtà

‘a gente dint’a quatt’mura

e so’ parole o è fantasia

o sto cagnanno ‘o ssaje pur’io

Gesù Gesù

come si cambia èvero

e poi non te ne accorgi più

Gesù Gesù cresciuto in questo cielo

con niente da cambiare

chi t’ha ditto ca è accus

chi t’ha ditto ca è sicuro

ca ce sentimmo sule

I’ nun m’arricordo cchiù si stevemo bbuono

cu ll’addore d’o ccafè pe tutt’a casa

‘e ssaje ancora nun m’è passato

e so’ parole o è fantasia

oppure chesta è ‘a vita mia

Gesù Gesù

come si cambia èvero

e poi non te ne accorgi più

Gesù Gesù

cresciuto in questo cielo

con niente da cambiare

chi t’ha ditto ca è accussì

chi t’ha ditto ca è sicuro

ca ce sentimmo sule

ca nun parlammo cchiù

si ‘o vvuò sapè

sta luna è fummo

è fummo e niente cchiù

Gesù Gesù – Pino Daniele

P.s. A Napoli i sogni si possono anche realizzare.

Pubblicato in amicizia, amore, arte, attualità, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, felicità, figli, giganti,, fotografia, germogliare, luce, mare, music, musica, pensiero positivo, photography, riflessioni, sorriso, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | 6 commenti

Cosa avevo più da perdere?

Ci sono persone che pur lasciandoci continuano a esistere dentro di noi e nell’aria che respiriamo. E poi, quelli che pur girando intorno a noi esistono dissolvendosi.

Robin Isley

Pubblicato in amicizia, amore, arte, attualità, cancro, cuore, diario, emozioni, fotografia, germogliare, lanciano no ombrina, metafora, pensieri, photography, riflessioni, Uncategorized, vita | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

24 ore in cui gioire è stato come morire

ida milanesi

Alla dott.ssa Ida Maddalena Milanesi

11:50, 24 gennaio 2018, Istituto Carlo Besta, Milano

Ci sono luoghi dell’attesa in cui il tempo pare scorrere molto meno lentamente che altrove, sono luoghi questi in cui i pensieri si fanno più tristi e la speranza è spesso quella cercata con entrambe le mani. Questi luoghi, che diventano casa anche per pochi giorni e o ore, piacevoli e trasmissibili di serenità è fondamentale per i pazienti e i familiari. L’armonia è fondamentale per la crescita energetica che rigenera.

La sala d’attesa piena di gente, come sempre, tutti estremamente composti, con visi seri ma nessuno che lasci trapelare disperazione, qualcuno chiacchiera e sorride anche; quanto fa l’atmosfera del luogo, composto dall’energia della gente che ci passa, vive. Qui dove il dolore è di casa, vige un decoro che alla sala d’attesa di un dentista gli fa un baffo. Seduta come gli altri, ma con un sorriso ebete stampato in faccia. Mi perdevo nei miei pensieri a fantasticare, pensando che ero a casa, sì, lo dicevo sempre alle mie dottoresse: “Quando arrivo a Milano, specie in questa zona, sono felice perché qui ci siete voi e siamo più vicine. Anche quando le cose andavano male, le lesioni si ripetevano attive, io ero serena. L’ho sempre detto che il cancro mi ha regalato nuova vita, mi ha permesso di venire a Milano, e così faccio le passeggiate, vado a teatro, vedo gli amici. Grazie cancro! E da qualche anno soggiorno in un albergo nei dintorni dell’istituto, alla giusta distanza per fare due passi”. Intanto la gente si alza entra, sta un po’ ed esce, chi con aria più seria e chi più luminosa, vanno, io guardo e aspetto il mio turno, leggera.

N.213. “Adina, come sta?”, la sua voce dolce e serena, di chi ti aspetta e ti accoglie con affetto, “Benissimo, dottoressa!”, rispondo con voce allegra, volevo, prima che mi vedesse in viso le arrivasse la mia positività. Sapeva che ero dietro la porta. Non ero ancora entrata ma con la mano sulla maniglia. Perché lei “conosceva” i suoi pazienti, anche se a testa bassa mentre smistava le sue carte, sapeva che c’ero. Mi avvicino alla modesta scrivania, nel modesto ambulatorio, tutti gli accessori sono modesti al Besta, solo le teste e la tecnologia sono all’avanguardia e d’eccellenza. Allora, mi avvicino, lei alza la testa, cercando di leggermi dentro. Mette il dischetto nel computer, sta un po’ a studiarlo, mi guarda con un ampio sorriso, si alza felice muovendosi con un nervosismo di chi: WOW!!! Ballando mambo. Doppio WOW!!! Ma lei si contiene, è una signora dottoressa. “Per ora le cose vanno bene, Adina, possiamo vederci tra 4/5 mesi”, mi guarda con tanta dolcezza, come una madre, una zia. Io le dico con un’espressione ruffiana: “Ma il dottor X (Neuromed), quando ha fatto il referto davanti a me, e mi ha accennato che la lesione è regredita e altre nuove non ce ne sono, ho chiesto, quando, secondo lui avrei dovuto ripetere l’esame, mi ha detto -6 mesi, ma sta alla dottoressa che conosce meglio il suo stato-“. Lei, ascoltandomi attentamente, mi rivolge uno sguardo dolce e sorride, guarda l’agenda e con aria perplessa: “Dovremmo rivederci a giugno, ma ho tanti impegni, tantissimi pazienti da vedere, e poi l’ultima settimana di giugno sarò via”, mi guarda ancora dentro, come a leggere il futuro. “Facciamo così, Adina, poiché la situazione non presenta una probabile allerta, facciamo che a giugno farà l’esame e poi ci vediamo la prima settimana di luglio, così ho più tempo”, perché lei conosceva i suoi pazienti. Il sorriso la faceva ancora più bella! Ricambio il sorriso provando a trasmetterle tutta la mia felice energia. Esco, torno dentro con la testa, lei aveva riabbassato la sua sulla scrivania, “Dottoressa, comunque faccio sempre Pubblicità Progresso al Besta, e specialmente a lei”, ”Adina, sempre speciale…”. Sorriso a sorriso.

Vado in reparto a salutare un’altra dottoressa, e mi chiede: “Cosa ha detto la Milanesi?”, “Era felice, saltava per la gioia. Accidenti, non ho avuto la faccia per chiederle una foto per il mio diario, è sempre così a modo! Però quando torno a luglio glielo chiedo, mi faccio coraggio.” C’era un sole luminoso e caldo.

25 gennaio, avevo un’altra visita, la dottoressa mi chiede: “Cosa ha detto la Milanesi?”, “Era felice, saltellava”, “Lo immagino, lei tratta i pazienti come familiari. E poi, questa è una vittoria anche per lei”. Pioveva era grigio. Nell’ora in cui la dottoressa Milanesi moriva o era già morta, ero lì, non sapevamo nulla, e la vita nel suo reparto, nel suo ospedale continuava a scorrere come sempre.

26 gennaio, allo IEO. Dovevo incontrare la mia oncologa per riferirle la bella notizia, dopo cinque anni finalmente potevo respirare cinque mesi, invece ero da lei con un vuoto dentro che neanche quando mi hanno detto che avevo il cancro o le metastasi. “No, non sto male per me, so che al Besta ci sono altri medici bravi, è che lei era carismatica, penso a tutti quei pazienti che ho visto passare davanti a me, penso alla famiglia, ai colleghi”, “lo so Adina, lo so ma pensa che con te lei è morta felice del successo ottenuto”. “Non mi consola!”. E pioveva.

27 gennaio, 09:20, Besta. Eravamo già tre persone a chiedere al portiere se avessero organizzato qualche iniziativa per la dottoressa Milanesi, e ci asciugavamo le lacrime, ognuno nel suo proprio silenzio.

Con il cuore sono vicina alla famiglia, alla figlia, a tutti quelli che lavoravano al suo fianco, a tutti coloro di cui si è presa cura. Ha lasciato un vuoto come una voragine.

Pubblicato in amore, attualità, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, farfalle, felicità, germogliare, luce, pensieri, pensiero positivo, riflessione, riflessioni, sorriso, storia, umanità, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , | 4 commenti

365 possibilità di apprendere per crescere

Buon anno nuovo a tutti i 7,5* miliardi circa di abitati della Terra, che le vostre strade siano illuminate dalla luce e dalla pace. Vi auguro, inoltre, che abbiate la fortuna, di incontBuon anno nuovo a tutti i 7,5* miliardi circa di abitati della Terra, che le vostre strade siano illuminate dalla luce e dalla pace. Vi auguro, inoltre, che abbiate la fortuna, di icontrare qualcuno da cui apprendere qualsiasi cosa che precedentemente non sapevate. 7,5 miliardi circa e più, calcolate per 365, danno un’infinità di possibilità, almeno una arraffatela.

VOUW, City Gazing, Amsterdam Light Festival 2017. Ph. A. P.

“Se non siamo capaci di vivere globalmente come persone, almeno facciamo di tutto per non vivere globalmente come animali.” José Saramago, Cecità

VOUW, City Gazing, Amsterdam Light Festival 2017. Ph. A. P.

*Statistica ottobre 2017

City Gazing rappresenta la planimetria della città con tutti i suoi canali. Il Festival, al suo sesto anno, ospita artisti di fama internazionale olandesi e non a installare opere luminose per i canali di Amsterdam. Il link: amsterdamlightfestival.com

Adina Pugliese

Pubblicato in amicizia, amore, arte, attualità, cuore, diario, emozioni, felicità, filosofia, fotografia, germogliare, libri, luce, luna, mare, metafora, pensieri, photography, riflessioni, sorriso, storia, terra, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Per questo Natale fate pace con il mondo

Per fare un albero di Natale ci vogliono tre cose: gli ornamenti, l’albero e la fede nel futuro.

Proverbio armeno

Pubblicato in amore, attualità, cuore, diario, emozioni, fotografia, germogliare, luce, pensieri, pensiero positivo, photography, riflessioni, sorriso, vita | Contrassegnato , | 6 commenti

Storia di un quadro e la consapevolezza di un ritrovato benessere

Universo – II ciclo –n.1-
11/12/2017- 150×100 cm., tela in cotone, gesso, acrilici, pigmenti, china, grafite

 

ADESSO, il mio cielo. Frutto dell’evoluzione del mio stato, la mutazione della condizione che mi circonda. Il cielo è limpido e sereno.  I pianeti meglio ben  definiti  e visibili, in questa immensità piena di luce si armonizzano con l’intero Universo:  non più persi nel buco nero di una oscurità notturna o quanto nei toni del blu,  è un contrasto netto di colori primari con poche sfumature; né in un caos cosmico di energia materica composta di graniglie di diverso spessore, stratificate e segni che arrivano ad essere vere incisioni taglienti (nella materia), come fossero fatte con un bisturi su carne viva (dal 2004 circa). L’Universo è sempre materico, l’Universo è materia ma è più gentile, delicata, i segni ci sono ma sono leggeri, meno nervosi, no rabbia o sfogo,  scarico di tensione, quanto invece per segnare lo stato di passaggio, quindi alimenta. Ricordarmi che esisto!

“Ciò che viene da fuori è già stato raccontato. Ciò che è importante, ciò che è unico, si trova dentro di noi. (…). Insomma, credo che la vita sia molto eccitante quando può dar libero sfogo ai propri sentimenti. Io sento perché penso, quindi sono.”

“Un’opera d’arte riuscita è come una macchia pensante che riflette le idee dell’artista, le sue speranze, il suo umorismo, le sue sconfitte, le sue intuizioni e le altre sensazioni ed esperienze. Forse rimango in silenzio perché mi rendo conto che non passa giorno senza che io venga separato da qualcosa. Ci sono tante cose che non capisco, che sfuggono, e l’arte me lo rammenta. ” Erling Kagge, Il Silenzio

ORIGINE. Le complicate relazioni familiari spesso sono causa di ferite difficili da rimarginare, ma il tempo aiuta a dimenticare e ricordare. Quando ero bambina, sognavo di fare la parrucchiera. C’era al centro dell’orto dietro casa, un vecchio pero, dove amavo arrampicarmi, lì sopra immaginavo la mia casa, a un ramo grande avevo appeso un’altalena, e su essa passavo il mio tempo a dondolarmi, puntando i piedi e dandomi lo slancio con il bacino per andare il più in alto possibile, misurandomi i record; tutto intorno era paradiso, raccoglievo i piccoli fiori per farne profumo, con pugni di terra creavo bambole. Dondolandomi sull’altalena spesso stavo reclinata a testa in giù, da lì la veduta del mondo cambiava, tutto era possibile, la condizione attuale poteva essere opposta. La visione del mondo a testa in giù, Il Mondo SottoSopra.  Da adulta ho cominciato a disegnare questi ricordi, il mio Mondo SottoSopra è divenuto un progetto cui ancora lavoro, attualizzandosi ai tempi, e dando poi origine a Universo I e II ciclo. L’Universo è semplicemente guardare oltre il cielo del Mondo SottoSopra, entrandoci dentro, nell’atmosfera celeste.  Oggi quell’orto è diventato il mio giardino, dove convivono piante da frutto e ornamentali, ortaggi e fiori, quello che era il retro ora è l’entrata principale. Il pero non c’è più, quando i mie divisero la proprietà, mio padre mise una rete che tagliava l’orto al centro, passò la rete attorno al tronco e lo fece suo, segò i rami dalla parte di mia madre, quel giorno piansi di tristezza e di dolore.

PERCORSO. Grazie al cancro metastico mi sono sentita libera di potermi prendere cura di me stessa, senza più scuse.  Piano piano sono rinata a nuova vita, e più la malattia mi aggredisce e più io trovo nuove energie cui rigenerarmi, stupendomi io stessa. Nella sfortuna sono costantemente fortunata a trovare il modo di vincere le battaglie, la mia filosofia già in partenza era: ” Mi fido e quindi mi affido!”, mai da sola. Nel tempo, affinando anche il fiuto, ho messo su un mio personale staff medico, tra stupefacente nel lato umano e professionale, supportata da amici e famiglia che mi sopportano. Su e giù per l’Italia, empaticamente dove mi fanno sentire a casa, compresa e guidata, così mi trovo a percorrere la penisola, facendo di ogni controllo, terapia o intervento che sia, anche un po’ una vacanza, sapendo che in questi andirivieni incontro belle persone, a Milano presso l’Istituto Neurologico Carlo Besta e lo IEO istituto europeo oncologico, nella mia terra, alcune figure professionali della Asl provincia di Chieti, in Molise, da Neuromed. Sono fortunata! La dottoressa psicologa del “Percorso Mammella” della Asl provincia di Chieti, la scorsa estate mi ha commissionato un quadro. Fece delle premesse: “Sarà la prima cosa che guarderò rientrando a casa e dominerà su tutto l’ambiente”. Paura. Sarò capace? Il mio impegno non era solo soddisfare una richiesta di un committente, ma era rimettermi in gioco, poiché da quattro anni dedicavo il mio tempo a fare altro cercando di leccarmi le ferite.  Soddisfare la sua richiesta era vincere un’altra tappa fondamentale della battaglia, ed è coinciso con nuovi interventi di radiochirurgia alla testa e nuove diagnosi, ma io che comincio ad avere i super poteri (così dicono ihihih). Ce l’ho fatta. La mia dottoressa è contenta del suo Universo. Il tema era libero, ho scelto l’Universo perché è la prima cosa che mi è venuta in mente mentre lei mi chiedeva di realizzarle un quadro, l’idea si rafforzava quando ha cominciato a descrivermi la casa e il suo rapporto con essa, la parete su cui sarebbe stato collocato. Sì, doveva essere una finestra sul cielo, come a guadare da un grande cannocchiale. Ma. Con luce nuova e nuovi colori che potevano raccontare chi sono ora, il percorso con lei, il percorso con chi e cosa mi ha portato a lei, e aprire un nuovo capitolo, Universo – II ciclo. Dovevo ricominciare dall’origine.

“E abbiamo riso perché c’era così tanto che non sapevamo e sapevamo che c’era così tanto che non sapevamo.” Jonathan Safran Foer, Ogni Cosa È Illuminata

 

Pubblicato in arte, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, felicità, filosofia, fotografia, germogliare, libri, luna, pensieri, photography, riflessioni, sorriso, storia, terra, umanità, Uncategorized, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 12 commenti

Vedere un varco è possibile

Storie di cambiamenti. Camminare camminare camminare, sempre lungo lo stesso percorso, bello, rasserenante ma, solo oggi notare quel varco. Sì, perché ora mi predispongo ad accogliere il nuovo, il cambiamento. Spalle dritte, petto il fuori e testa alta, fiera e serena. Piccole gocce di sudore che sanno di gioia. Piccole. Gocce.

“Non venivano mai proferite parole che non fossero d’amore, e tutto era portato come un ulteriore, piccolo elemento probatorio del fatto che così può essere, e non dev’essere altrimenti; se nel mondo non c’è amore faremo un altro mondo, e lo circonderemo di mura massicce e lo arrenderemo con interni rossi e soffici, e gli forniremo un battaglio che suoni come un diamante caduto nel feltro di un gioielliere in modo che no lo sentiamo mai.” Jonathan Safran Fort, Ogni cosa è illuminata

Pubblicato in amicizia, amore, arte, attualità, cancro, costa dei trabocchi, cuore, diario, emozioni, felicità, figli, giganti,, filosofia, fotografia, germogliare, libri, luce, mare, mare nostrum, metafora, pensieri, photography, riflessioni, sorriso, umanità, Uncategorized, vita | Contrassegnato , , , , , , , , | 6 commenti