Ho camminato sotto il sole per andare su in collina a vedere il mare e le campagne e fare una visita

“II NOME VIVE PER SEMPRE.” Militari deceduti per la liberazione dell’Italia dai nazisti 1943-1945; 20, 22, 24, 26, 34 anni circa, in alcuni non c’è età; 2617 salme sepolte di cui 2542 riconosciute e 75 militi ignoti; Nuova Zelanda, Regno Unito, Canada, Australia, India, Pakistan, Sudafrica, America e altre nazioni; ebrei, cattolici, atei, musulmani e altre religioni miste; piloti, soldati semplici, capitani, tutti i gradi; laureati e non.

Hanno perso la loro giovane vita per cosa? Per questa società attuale? Le famiglie, le spose, gli amici meritavano questa perdita? E anche la sepoltura in un’altra nazione? Ho, sì, nei cimiteri i soldati di colore o diverse religioni ci posso stare! Il cimitero è splendido come gioiello prezioso, è gestito da Commonwealth War Graves Commission (CWGC).

Nelle vicinanze della Riserva naturale Lecceta marina regionale di Torino di Sangro (la cui cura lascia a desiderare).

Annunci
Pubblicato in adriatico, amore, attualità, costa dei trabocchi, cuore, emozioni, foglie, fotografia, germogliare, luce, mare, mare nostrum, metafora, pensieri, photography, riflessione, terra, umanità, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

La leggerezza del distacco

Cuore di latta (spaventapasseri per L’Orto d’amore, Lanciano 2015)

Ringraziamento

“Devo molto

a quelli che non amo.

Il sollievo con cui accetto

che siano più vicini a un altro.

La gioia di non essere io

il lupo dei loro agnelli.

Mi sento in pace con loro

e in libertà con loro,

e questo l’amore non può darlo,

né riesce a toglierlo.

Non li aspetto

dalla porta alla finestra.

Paziente

quasi come un orologio solare,

capisco

ciò che l’amore non capisce,

perdono

ciò che l’amore non perdonerebbe mai.

Da un incontro a una lettera

passa non un’eternità,

ma solo qualche giorno o settimana.

I viaggi con loro vanno sempre bene,

i concerti sono ascoltati fino in fondo,

le cattedrali visitate,

i paesaggi nitidi.

E quando ci separano

sette monti e fiumi,

sono monti e fiumi

che si trovano in ogni atlante.

È merito loro

se vivo in tre dimensioni,

in uno spazio non lirico

e non retorico, con un orizzonte vero,

perché mobile.

Loro stessi non sanno

quanto portano nelle mani vuote.

“Non devo loro nulla”‐ direbbe

l’amore su questa questione aperta.”

Wislawa Szymborska

Pubblicato in amicizia, amore, arte, attualità, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, farfalle, felicità, filosofia, fotografia, germogliare, libri, luce, metafora, pensieri, photography, riflessione, riflessioni, sorriso, stupidità, terra, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , | 8 commenti

Tracce di umani

Dai vestiti non si evince il colore della pelle, il sesso, né di che religione siano, tantomeno che lingua parlino, ma solo che hanno due braccia, due gambe, una testa. “Una testa?- Allora sono intelligenti?- Chi? – Gli uomini!- Noooooo. Parte di loro credono ancora che siano soli nell’universo, e che ci sono confini politici.- Ahahahah!!! Vero? Ma se la terra e tonda e il cielo è infinito e loro sono tutti uguali ai raggi x.” Breve dialogo tra due entità Extra Confine Terra.

Ph. Abiti di rifugiati extracomunitari, messi ad asciugare al sole.

Pubblicato in attualità, cuore, diario, emozioni, fotografia, germogliare, luce, mare, pensieri, photography, riflessioni, stupidità, terra, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Prenditi cura del tuo spazio perché è parte del Mondo

Se ognuno di noi facesse il nostro meglio, se pur nel limite delle proprie possibilità, potremmo avere un Mondo migliore e non finire di distruggere questo “unico” Mondo che abbiamo. Ci lamentiamo di tutto, blablabla!!! Ecchè! Guardiamoci nello specchio, nelle palle degli occhi, quando siamo da soli in bagno, nudi come “Il Re Nudo”, e diciamoci la verità, di quella volta che abbiamo: votato un amministratore, un politico e poi ci siamo resi conto che avevamo contribuito a eleggere un incapace; abbiamo buttato a terra uno scarto pensando “tanto è solo questa volta”; consumato inutilmente l’energia elettrica, l’acqua, il gas o altre fonti perché ” figuriamoci mò il consumo improprio di due lampadine, l’acqua che scorre dalla doccia prima di entrarci, gli asciugamani in hotel cambiati tutti i giorni ( ma a casa vostra cambiate gli asciugamani tutti i giorni?! Io no) e l’aria condizionata accesa tanto per,ecc ecc”. Potrei scrivere una lista che a un elenco telefonico gli farebbe un baffo, ma tant’è. Come Il Piccolo Principe, io pulisco il mio vulcano, curo la mia rosa e empaticamente addomestico la mia volpe, gli altri facciano quel che vogliono ma, non venite a lamentarvi con me. Convivo con un cancro metastico da 5 anni, dopo la morte della mia dottoressa Milanesi, del Besta, ho avuto un fortissimo calo depressivo ma, anche qui come ho sempre detto “nella sfortuna sono sempre fortunata”, ecco che al gruppo dei miei Angeli Custodi o Santi in Terra e in Cielo o Armata Brancaleone, se un elemento esce ne entrano due. Tale è stato, tale è! Da nord a sud della penisola si è aggiunta un’isola, Ischia, e la magia dell’isola mi ha forgiata a nuova vita. Le grandi problematiche culturali, ho provato a partecipare alla risoluzione per più di trent’anni, ora penso allo spazio che mi circonda e a ciò che vale la pena risolvere con l’energia che gioca in alternanza. E quindi, invece di fare una semplice camminata salutare per il corpo e la mente, raccolgo le immondizie sulla spiaggia, lo farò ancora, e mi auguro che altri vedendo me condividino il fare. Ho visto su Sky due documentari, non ricordo i nomi, sono rimasta allibita, uno era sulla plastica che con le maree ha ricoperto creando montagne, delle spiagge asiatiche e del nord Europa; l’altro di un fotografo ambitalista che crea immagini di cibo di uso comune con pezzetti di plastica raccolti sulla spiaggia, perché uno studio dice che nei molluschi e nel pesce ci sono tracce di plastica, giustamente, essendo nel mare se ne cibano. Pensateci quando state per buttare dalla barca, a pescare, i fili, gli ami,le cassette di polistirolo, o altrove un pannolino sporco del vostro bimbo, un preservativo, il tappo di uno spumante o la cicca di una sigaretta, e in spiaggia o a terra, magari con l’accortezza di nascondere sotto la sabbia o i ciottoli. Come diceva mia nonna: “Occhio non vede, cuore non duole”, in questo caso neanche nonna Adina avrebbe approvato. Quindi pensateci bene prima di sparlare di questa Italia e di questo Mondo, riconosciamo ognuno le nostre colpe e impariamo a fare più che blablabla. Amen! Io torno a curare il mio Mondo. Buonecose!

Adina

Pubblicato in adriatico, amore, arte, attualità, cancro, costa dei trabocchi, cuore, diario, emozioni, felicità, figli, giganti,, filosofia, fotografia, germogliare, luce, mare, mare nostrum, metafora, pensieri, photography, riflessioni, stupidità, terra, terremoto, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | 9 commenti

Avere-Essere-Tolleranza: tre in uno

Ilya & Emilia Kabakov, The Ship of Tolerance, 2013, Dumbo Art Festival N.Y.

Nella lingua Swahili non esiste il verbo “avere”, esiste solo il verbo “essere”: essere per, essere con, essere insieme a , essere in compagnia di, essere amato da…Per la maggior parte dei Tanzanesi il senso dell’esistenza sta nel condividere con il gruppo, tutto il resto viene di conseguenza.

Ilya Kabakov, The Ball, 2017 Kistefos Museum, No.

Pubblicato in amicizia, amore, arte, attualità, cancro, cuore, diario, emozioni, filosofia, fotografia, germogliare, luce, metafora, pensieri, photography, riflessioni, terra, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Leggera, proprio così…come in questo disegno. Altalene

Sarà sempre così? Questa impossibilità di trovare la certezza di uno stato d’animo, di una fase, di un umore, mai. Siamo tutti seduti su delle altalene.
(Anaïs Nin)

Adina Pugliese, Come Volare (come Iulia), acrilico, grafite e carboncino, 2018

Avanti e indietro sull’altalena, un
spingo le braccia, le gambe e la schiena,guardo il mondo che fa su e giù,prima è qua poi non c’è più.

Come una palla che fa il rimpallo
sembro la mazza del mazzacavallo,
posso toccare il cielo con la mano,
che da qui non è lontano…

Vola su e giù, spingi a tutta lena,
fai avanti e indietro sopra l’altalena.
Seduto sul sedile barcollar potrai,
molto forte o piano non importa dai.
Muovi le tue braccia, le tue gambe e la tua schiena,
ondeggiando dolcemente sopra un’altalena.

Soffia il vento e ho i capelli mossi,
senza far trucchi o saltafossi,
ciondolando un po’ di qual e di là,
il mondo non si vuol fermar.

Sembro un ago di sfigmomanometro,
oscillo in avanti poi vado all’indietro,
dolcemente è bello altalenar,
come una piuma mi lascio cullar.

Avanza e torna indietro, spingi a più non posso,
non scattare foto, esce tutto mosso.
E poi lo scoprirai, che il cielo si rasserena,
mentre dondoli felice sull’altalena.
Muovi le tue braccia, le tue gambe e la tua schiena,
ondeggiando dolcemente sopra un’altalena.

(Filastrocca, L’Altalena)

Adina Pugliese, Come Volare (come Iulia), 2018; Altalene, china, 1999

Per ogni Giovanna d’Arco c’è un Hitler appollaiato dall’altra estremità dell’altalena. La vecchia storia del bene e del male.
(Charles Bukowski)

Pubblicato in amicizia, amore, arte, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, felicità, filosofia, fotografia, germogliare, lanciano no ombrina, libri, luce, mare, metafora, pensieri, photography, riflessioni, sorriso, storia, umanità, Uncategorized, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il mio personale albero genealogico

“L’unica maniera che abbiamo di restituire qualcosa a questo mondo è continuare a fare ordine dentro di noi.”

“A mano a mano che ci prendiamo cura di una pianta, che veniamo a stretto contatto con lei, diventiamo suoi amici e ci promette che, all’occorrenza, ci darà un po’ della sua forza.”

Banana Yoskimoto, Another World

Pubblicato in amore, arte, attualità, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, felicità, figli, giganti,, foglie, fotografia, germogliare, libri, luce, metafora, pensieri, pensiero positivo, photography, riflessioni, sorriso, storia, terra, umanità, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Quel che resta di noi. Storie di donne, figli e arte. Iulia Ghiţa

Alle madri, anche quelle che lo sono solo con lo spirito. Alla generatrici di ogni bene. Ripropongo questo post…

https://wp.me/p20deI-1K9Em

Pubblicato in amore, arte, attualità, cancro, cuore, diario, donne, emozioni, figli, giganti,, filosofia, fotografia, libri, luce, metafora, pensieri, photography, riflessioni, sorriso, terra, umanità, Uncategorized, vita | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Canada, in Quebec i medici protestano contro lʼaumento del salario

Cose dell’altro Mondo! È menomale che al Mondo esistono persone che hanno una consapevolezza della realtà.

9 marzo 2018

In 700 hanno firmato una petizione per chiedere al governo di usare quei soldi per ridistribuire le risorse alla sanità pubblica e garantire un buon servizio e cure adeguate a chi ne ha bisogno

http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/canada-in-quebec-i-medici-protestano-contro-l-aumento-del-salario_3127453-201802a.shtml

Pubblicato in attualità, cancro, cuore, diario, felicità, luce, riflessioni, sorriso, storia, terra, terremoto, umanità, Uncategorized, uomini, vita | Contrassegnato , , , , , , , , | 4 commenti

Stato. Italia. Breve riordino di memoria

Luigi Ghirri, Argine Agosta Comacchio, 1989 – da Il profilo delle nuvole (1980-1992)

E. Mio figlio, il gigante grande ha lasciato l’Italia poco più di tre anni fa, laureato, da subito ha cominciato a fare qualsiasi lavoro e da pochi giorni è in una grande multinazionale. Non amava questa Italia disordinata ma amava e ama la sua famiglia, la sua casa qui. Due o tre anni prima di partire per la Nazione dove si è stabilito, era solito andare per le vacanze oltre oceano dagli zii. Al ritorno lo trovavo sempre più appagato e sereno, felice. Dopo il diploma mi disse che voleva lasciare l’Italia, anche solo per lavorare. “Perché?”, “Perché altrove la gente sorride, nei locali ti salutano, chiacchierano facilmente, qui no, la gente è triste, arrabbiata.” E. Mio figlio il gigante piccolo, che piccolo non è più, sta organizzando la sua vita per partire a breve, per ora sarà un sopralluogo. Dovrei essere triste. No! Sono orgogliosa di questi giovani che non voglio vendersi a ricatti, essere sfruttati, e chiedono il meglio a costo di grandi sacrifici. Magari un giorno torneranno per aiutare chi resta e riesce a riportare l’Italia alla superficie.

“O studianti, studiate le matematiche, e non edificate sanza fondamenti.” Leonardo Da Vinci, 1452-1519, ingegnere, pittore, scienziato

“Rare sono le persone che usano la mente, poche coloro che usano il cuore e uniche coloro che usano entrambi.” Rita Levi Montalcini, 1909-2012, neurologa, senatrice, premio Nobel

“È sempre la storia di Socrate, di Cristo e di Colombo! Ed il mondo rimane sempre preda delle miserabili nullità che lo sanno ingannare.” Giuseppe Garibaldi, 1807-1882, generale, patriota, condottiero, scrittore

“Sono figlio della libertà, e a lei devo tutto ciò che sono.” (Epigrafe sulla sua tomba) Camillo Benso, conte di Cavour, 1810-1861, politico, imprenditore

“Vogliamo la patria, la patria una e rapidamente. Possiamo cedere su tutto; su questo no. Potete, sapete darcela?” Giuseppe Mazzini, 1883-1961, patriota, politico, giornalista

“L’Islam è il Corano. Comunque e dovunque. E il Corano è incompatibile con la Libertà, è incompatibile con la Democrazia, è incompatibile con i Diritti Umani.” Oriana Fallaci, 1929-2006, scrittrice, giornalista

“Giulio Moneta [dal balcone, in manette, mentre viene arrestato dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia]: Ad esser sinceri, Catellani da qualche anno è un po’ carente sui tessuti pettinati. Per me, il miglior sarto di Roma resta Rebecchi.

Jep Gambardella: Ma lei chi è?

Giulio Moneta: Un uomo laborioso. Uno che mentre lei trascorre il tempo a fare l’artista… e a divertirsi con gli amici, fa andare avanti il Paese. Io, faccio andare avanti questo Paese, ma molti ancora non lo hanno capito.

Jep Gambardella: Ma ti rendi conto, Dadina? Il mio vicino di casa era Giulio Moneta, uno dei dieci latitanti più ricercati del mondo, ed io mai accorto di nulla.” Jep è Toni Servillo in La Grande Bellezza, regia di Paolo Sorrentino 2013

“La stirpe non fa le singulari persone nobili,
ma le singulari persone fanno nobile la stirpe.” Dante Alighieri, 1265-1321, poeta, scrittore, politico

“La scarsa considerazione che la nostra classe politica e in particolare quella più recente riserva all’istruzione, all’università e alla ricerca è la conseguenza del basso livello culturale della gran maggioranza degli eletti in Parlamento.” Margherita Hack, 1922-2013, scenziata, astrofisica

“Nun c’è niente de più bello de na persona in rinascita. Quanno s’ariarza dopo na caduta, dopo na tempesta e ritorna più forte e bella de prima. Con qualche cicatrice in più ner core sotto la pelle, ma co la voglia de stravorge er monno, anche solo co un sorriso.” Anna Magnani, 1908-1973, attrice, premio Oscar

“Gli italiani si governano da soli.” Alberto Sordi, 1920-2003, attore, compositore, regista

Pubblicato in amore, arte, attualità, cinema, cuore, diario, donne, emozioni, figli, giganti,, film, filosofia, fotografia, germogliare, libri, luce, mare, metafora, music, musica, pensieri, photography, riflessione, riflessioni, storia, stupidità, terra, terremoto, Uncategorized, uomini, vita, wikipedia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 7 commenti